L’uragano “Ian” arriva in Florida, pericolo devastazione completa!

Gli eventi atmosferici catastrofici portano sempre una scia di morte e distruzione. Analizziamo la situazione in Florida, che in queste ore si sta complicando sempre di più e potrebbe presto raggiungere risvolti davvero drammatici.

Scienza e tecnologia

I fenomeni atmosferici che si stanno susseguendo negli ultimi anni preoccupano la comunità scientifica, scagliandosi spesso con violenza inaudita sulle nostre vite indifese. Stavolta è il turno della Florida, che si ritroverà a dover fronteggiare l’Uragano Ian, e si teme per i danni che potrebbero essere causati. Gli sfollati aumentano e il panico serpeggia: che cosa succederà in America?

L’uragano Ian è arrivato intorno alle 15:10 ora locale (20:10 GM di mercoledì, schiantandosi contro la costa con una velocità del vento di 241 km/h (150 mph). Scene drammatiche hanno visto il tetto di un ospedale saltare in aria, le auto sommerse e gli alberi strappati dal terreno. Ian è stato ora declassato da una tempesta di categoria quattro a una tempesta di categoria uno. Tuttavia, gli abitanti sono stati avvertiti che le 24 ore più pericolose si prospettano oggi e il sindaco di Tampa ha esortato le persone a rifugiarsi sul posto per tutta la notte fino a venerdì mattina.

Uragano visto dallo spazio
Uragano visto dallo spazio – Foto di Pixabay/Pexels.com

Più di 2 milioni di case e aziende sono rimaste senza elettricità quando la tempesta si è abbattuta nel sud-ovest della Florida mercoledì pomeriggio, portando venti “catastrofici” a 150 miglia all’ora e ondate a dir poco mortali. Ore dopo, la tempesta – stimata in circa 140 miglia di larghezza – è stata declassata da una tempesta di categoria 4 a una di categoria 1 mentre si muoveva lentamente a nord-est, causando gravi inondazioni. La reale portata del danno è rimasta poco chiara al calare dell’oscurità, con le reti elettriche e di comunicazione interrotte e gli operatori dei servizi di emergenza costretti a mettersi al riparo dal peggio della tempesta.

Uragano in mare aperto
Uragano in mare aperto – Foto di Johannes Plenio/Pexels.com

Il governatore dello stato Ron DeSantis ha descritto l’uragano Ian come il “più grande evento di alluvione” nel sud-ovest della Florida che abbia mai visto e ha annunciato che 7.000 soldati della Guardia Nazionale sono pronti a guidare le operazioni di soccorso nelle zone alluvionali. Il presidente Joe Biden riceverà un briefing giovedì dall’Agenzia federale per la gestione delle emergenze.

Maremoto sul porto
Maremoto sul porto – Foto di GEORGE DESIPRIS/Pexels.com

Ondate di tempesta da record: la mareggiata dell’uragano Ian ha colpito con violenza in alcuni punti, mentre diverse aree, tra cui Punta Gorda, Port Charlotte, Fort Myers e Naples, stavano affrontando mareggiate da diversi metri piedi. Mercoledì notte, si credeva che la tempesta lungo la costa occidentale della Florida avesse raggiunto il picco e stesse iniziando a diminuire, mentre i funzionari di Tampa avvertivano i residenti di stare in guardia. Altri stati si preparano alla distruzione di Ian: la tempesta dovrebbe uscire dalla Florida e spostarsi nell’Oceano Atlantico giovedì, dove i governatori di Georgia, Virginia, North Carolina e South Carolina hanno già dichiarato lo stato di emergenza.

Back to top button