Quando caleranno le bollette di luce e gas?

Il decreto aiuti quater prevederà lo stanziamento di circa 30 miliardi di euro, nel prossimo spostamento di bilancio, come calmierante per i prezzi di luce e gas. Tuttavia, con la guerra che imperversa ancora in molte regioni ucraine, le previsioni non sono ancora del tutto rosee.

Affari

Ciò è in gran parte dovuto a un aumento dei prezzi all’ingrosso del gas, causato dalla maggiore domanda di gas dopo l’allentamento delle restrizioni Covid-19, ma anche a causa dell’invasione russa dell’Ucraina, che ha minacciato le forniture e fatto salire i prezzi. La Russia è uno dei maggiori produttori mondiali di petrolio e gas, fornendo all’UE il 40% del suo gas nel 2021.

Ma nelle ultime settimane, il prezzo del gas è sceso da livelli record ed è ora simile a dove era 18 mesi fa. Guardiamo se un calo dei prezzi del gas inizierà a riflettersi nelle nostre bollette mensili o se ci troveremo di fronte a mesi di prezzi elevati, anche una volta che la garanzia del prezzo dell’energia del governo terminerà nell’aprile 2023.

I prezzi spot del petrolio e del gas misurano il costo di acquisto per la consegna quasi immediata – di solito un giorno prima – e sono incredibilmente sensibili ai movimenti minori del mercato. Quindi, quando i paesi europei hanno iniziato a riempire i loro impianti di stoccaggio del gas con gas naturale liquefatto (GNL) durante l’estate, che ora sono quasi pieni, questo potrebbe aver spinto i prezzi più in alto.

Fiamma ossidrica
Fiamma ossidrica – Foto di Pixabay/Pexels.com

Alcune stime suggeriscono che le bollette energetiche potrebbero rimanere elevate fino al 2024. È difficile sapere esattamente quando le bollette energetiche scenderanno, poiché i prezzi internazionali del gas continuano a fluttuare. Se le condizioni continueranno invariate, molti sperano che presto vedremo un calo delle nostre bollette energetiche mensili.

Ma non è così. Le società energetiche “si coprono” acquistando gas ed elettricità con largo anticipo rispetto a quando è necessario. I fornitori acquisteranno una certa quantità di energia in anticipo per bloccare il prezzo e ridurre il rischio di movimenti avversi dei prezzi.

Le tariffe variabili standard che le famiglie hanno in relazione al massimale dei prezzi dell’energia rimarranno più favorevolmente a quel prezzo, anche se i prezzi all’ingrosso del gas e dell’elettricità sono scesi al di sotto di questo. Un calo prolungato e apparentemente permanente potrebbe alla fine portare a nuove operazioni a tasso fisso offerte al di sotto del limite di prezzo, ma è probabile che le aziende siano molto caute nel farlo.

Back to top button