Le migliori cascate italiane da visitare in autunno!

L'italia è ricca di bellezza e patrimoni artistici, ma anche naturali! Tra queste, svariate cascate che vale davvero la pena visitare in autunno e non solo. Scopri di più in questo articolo!

Green Power

L’italia ha un patrimonio artistico e naturale senza pari, ma di certo le cascate non sono le prime cose che vengono in mente quando si pensa al bel paese. Sbagliato! L’italia, tra le sue migliaia di ricchezze, annovera anche alcune tra le più belle cascate in Europa, perfette per una gita tranquilla autunnale. Analizziamone insieme qualcuna!

Le cascate d’Italia passano in secondo piano rispetto alla ricca storia e cultura per cui il paese è più famoso. Quindi questo significa che le cascate d’Italia presentano anche opportunità per vedere una parte più autentica e naturalistica del paese che la maggior parte dei turisti. Tuttavia, sono in gran parte concentrati nel nord montuoso del paese.

Cascate poco alte
Cascate poco alte – Foto di Manuela Adler/Pexels.com

Partiamo dalla bellissima cascata della Colombara, sulla strada per il Bosco di Rossano, nel territorio di Zeri, Massa Carrara. Prende il nome dal fossato della Colombara e scende in una bella grotta semiaperta. Si può raggiungere la cascata della Colombara prendendo l’autostrada per Pontremoli e andando dritto verso il centro.

A quasi 150 metri di altezza, la cascata di Toce nella regione piemontese del nord-ovest è stata definita una delle cascate più incredibili del paese. È stato uno dei soggetti preferiti degli artisti europei per secoli, e un famoso hotel costruito sul sito nel 1860 è ancora operativo se desideri terminare la tua giornata di visite turistiche nel grembo del lusso. Situato nella città di montagna di Formazza, la zona è piena di panorami mozzafiato e sentieri escursionistici che ti porteranno nelle migliori aree di osservazione per le cascate.

Situate vicino alle città di Manciano e Saturnia nella famosa regione Toscana, le cascate del Gorello non sono solo belle e accessibili, ma l’acqua mite e ricca di zolfo che scorre dalle sue terrazze calcaree è pretesa di avere qualità curative. Le viste sul paese circostante dalle piscine sono magnifiche e, poiché sono una struttura pubblica, possono essere visitate e godute ogni volta che è meglio per te, indipendentemente dal giorno o dall’ora.

Cascate giganti
Cascate giganti – Foto di Pixabay/Pexels.com

Spostandosi nel territorio aretino, i percorsi escursionistici più interessanti che attraversano il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, monte Falterona e Campigna, sono quelli che portano alle cascate dell’Acquacheta, sulla linea di confine tra Toscana ed Emilia Romagna. Sono così impressionanti che persino Dante Alighieri ne scrisse nella Divina Commedia.

Vicino alla città di Terni, nella regione italiana dell’Umbria, le Cascate delle Marmore sono tra le cascate più popolari e visitate d’Italia. Una caratteristica distintiva di queste cascate è che sono davvero una reliquia rimanente degli acquedotti che sono stati costruiti dai Romani secoli fa. A quasi 550 piedi, le cascate sono la caduta artificiale più alta del mondo e un vero tributo all’artigianato dei romani. Le cascate sono composte da 3 sezioni distinte, la più alta delle quali è appena timida di 300 piedi.

Back to top button