Identità e sicurezza, le nuove regole da seguire per il cambio sim

Quali sono le nuove regole di sicurezza per il cambio sim?

Scienza e tecnologia

Dopo la delibera 86/21/CIR del luglio 2012 da parte dell’Agcom, oggi sono entrate in vigore delle nuove regole per il cambio della sim del cellulari. Le novità principali sono esattamente due, scopriamole insieme!

La prima cosa che bisogna sapere è che l’operazione del cambio sim potrà essere effettuata solo dall’intestatario dell’utenza, a differenza di quanto succedeva finora con l’utilizzo di deleghe. La verifica dell’identità sarà doppia, una da effettuare tramite il documento e un’altra tramite la comunicazione di un codice ricevuto via sms sul numero interessato. Tutto questo è stato pensato per evitare quello che negli ultimi anni si sta rivelando come un pericoloso fenomeno nel settore della sicurezza, il cosiddetto sim swap. Ma cos’è?

Sim cellulare - Foto di Thirdman/Pexels.com
Sim cellulare – Foto di Thirdman/Pexels.com

La sim swap è un’operazione che, a insaputa del consumatore, porta la scheda sim originale ad essere sostituita da una nuova, nelle mani del truffatore, che poi procede con il cambio operatore e con attività illecite legate ad un reale numero di telefono. Il cambio sim quindi, sarà consentito solo a chi possiede una sim funzionate. Il soggetto può fare sia la richiesta fisica nei negozi che quella virtuale, tramite i siti internet delle compagnie. Quest’ultima possibilità è senza dubbio quella più frequente e comoda, vista la presenza di numerosi operatori virtuali che offrono servizio online.

L’Agcom ha previsto l’entrata in vigore di queste nuove regole in due fasi: una è partita il 7 novembre, i gestori hanno iniziato ad acquistare le richieste di portabilità, sostituzione sim o subentro. La seconda partirà dal 14 novembre, gli operatori si scambieranno le richieste di portabilità secondo quanto previsto dalla delibera.

Back to top button