Come si ottiene il sughero in natura?

Prima della lavorazione, le tavole di sughero vengono poste su pallet. Quindi sono pronti per la prima fase del processo di produzione del sughero: la bollitura.

Green Power

Dalla corteccia alla bottiglia, il sughero compie un viaggio affascinante in cui uomo, natura e tecnologia si intrecciano e si sostengono a vicenda. La raccolta del sughero – sempre eseguita da abili maestranze che si tramandano il loro know-how di generazione in generazione – è solo il primo passo di uno straordinario processo di trasformazione dove nulla va sprecato.

Alberi di sughero
Alberi di sughero – Fonte: Web

Sì, c’è un albero di sughero! Si chiama Quercus Suber L ma è più comunemente conosciuto come la quercia da sughero. Vive, in media, 200 anni. La quercia da sughero è una quercia sempreverde di medie dimensioni che ha una spessa corteccia sugherosa, periodicamente raccolta per produrre sughero commerciabile. Quindi il sughero è una materia prima naturale che cresce attorno al tronco dell’albero, anzi alla sua corteccia! Sì, i tappi per vino naturali sono fatti di corteccia!

Pila di legna di sughero
Pila di legna di sughero – Fonte: Web

Il sughero viene raccolto ogni nove anni, sempre tra maggio e agosto, quando l’albero è nella sua fase di crescita più attiva. Nessun albero viene abbattuto e il sughero viene raccolto senza danneggiare l’albero. Il processo viene eseguito con estrema consapevolezza e concentrazione, praticando un’incisione verticale, poi orizzontale sul tronco e tirando con attenzione la tavola di sughero. L’albero del sughero è l’unica specie la cui corteccia si rigenera dopo ogni raccolto. La corteccia ricresce completamente, acquisendo una consistenza più liscia dopo ogni raccolta. Per la quercia da sughero ogni fine è un nuovo inizio.

Tappi di sughero - Foto di Pixabay/ Pexels.com
Tappi di sughero – Foto di Pixabay/ Pexels.com

Le querce da sughero possono, infatti, crescere anche in altri luoghi al di fuori del bacino del Mediterraneo. Tuttavia il sughero che producono non è commercialmente adatto. Per generare sughero commerciabile, il Quercus Suber, deve trovarsi in un ecosistema molto specifico chiamato Montado in portoghese e Dehesa in spagnolo. Ci vogliono 25 anni prima che possa essere raccolto per la prima volta, ma questo primo tappo, chiamato virgin sughero, non è particolarmente buono. Dopo questa prima raccolta, devono trascorrere altri 9 anni per completare un ciclo completo. Il tronco è contrassegnato da un numero, da 0 a 9, che indica l’anno di raccolta del sughero. Il ciclo di vita del sughero è ritmico e misterioso. Infatti, solo al terzo raccolto – in media 43 anni dopo la piantagione dell’albero – il sughero avrà raggiunto la qualità necessaria per produrre tappi di sughero naturale.

Come utilizzare i tappi di sughero - Foto di Grape Things/ Pexels.com
Come utilizzare i tappi di sughero – Foto di Grape Things/ Pexels.com

Prima della lavorazione, le tavole di sughero vengono poste su pallet. Quindi sono pronti per la prima fase del processo di produzione del sughero: la bollitura. Le assi vengono bollite per ammorbidirle e anche per pulirle. Ai vecchi tempi questi venivano bolliti in pozzi torbidi senza che l’acqua venisse cambiata molto spesso. Ora, per evitare la contaminazione incrociata, l’acqua viene pulita, filtrata e reintegrata regolarmente, con la rimozione continua delle sostanze volatili.

Sughero e bussola
Sughero e bussola – Foto di Kevish Hurree/Pexels.com

Durante la sua vita una quercia da sughero può essere raccolta circa 15 volte. Tuttavia, la prima raccolta può avvenire solo quando l’albero ha 25 anni e solo se la circonferenza del tronco ha 70cm. Nove anni dopo avviene la seconda raccolta ma produce ancora un materiale non adatto per i tappi di sughero, anche se già molto più morbido e con una struttura più regolare rispetto al sughero vergine. Al tappo di questo secondo raccolto chiamiamo sughero secondario.

Tappi di sughero bianco e nero
Tappi di sughero bianco e nero – Foto di SevenStorm JUHASZIMRUS/Pexels.com

Solo il terzo e i successivi raccolti produrranno un sughero che soddisfi gli standard necessari per produrre tappi di sughero, poiché la sua struttura è ora regolare con un liscio all’esterno e all’interno. Da qui in poi la quercia da sughero fornirà una media di 45 chilogrammi di sughero di buona qualità ogni nove anni, che possono generare 3000 tappi di sughero. Questo tappo si chiama “tappo amadia”.

I bordi delle tavole vengono preparati e gli angoli rifilati. Sulla base di caratteristiche chiave come l’aspetto, lo spessore e la porosità, le tavole sono suddivise in categorie di qualità. Per la produzione di tappi di sughero vengono selezionate solo tavole di buona qualità. Quelli con difetti vengono inviati per essere macinati e saranno trasformati in altri prodotti in sughero.

Cerchietto di sughero
Cerchietto di sughero – Foto di Andreea Ch/Pexels.com

Le tavole selezionate, utilizzate per i tappi di sughero di alta gamma – naturali – vengono tagliate in listelli e fustellate con una macchina per l’estrazione dei tappi cilindrici. Questo è un processo semiautomatico o automatico altamente preciso. Ciò che rimane dopo che i tappi sono stati perforati. Questo sughero rimanente può essere macinato per ottenere granuli che possono poi essere incollati insieme per creare sughero agglomerato.

Raggruppamento di tappi di sughero
Raggruppamento di tappi di sughero – Foto di Magda Ehlers/Pexels.com

Il riscaldamento globale è comunemente associato all’atto umano di rilasciare quantità eccessive di gas serra, come l’anidride carbonica, nell’atmosfera. Questo riscaldamento sta colpendo gli ecosistemi in modo molto pericoloso e, continuando così, alcuni di essi finiranno per estinguersi. Con la sua capacità di immagazzinare carbonio, la quercia da sughero svolge un ruolo molto importante nella riduzione dei gas serra. Ogni anno, ogni ettaro di montado è in grado di trattenere circa 6 tonnellate di CO2 (Risultato di un recente studio della Scuola di Agronomia di Lisbona). Il Ctcor (Technological Center for Cork) afferma che un singolo tappo di sughero è in grado di trattenere circa il doppio del proprio peso di CO2, circa 8g, mentre un veicolo rilascia 170g di CO2 per chilometro.

Leggi anche

Back to top button